Il blog del bed and breakfast Una Casa Al Belvedere

Siamo Siciliani, amiamo la Sicilia e siamo anche viaggiatori, intendiamo il turismo come un’esperienza di scambio, per questo abbiamo selezionato il bello e l’autentico che la caratterizza.
Il nostro stile di vita si lega al territorio che giornalmente viviamo; condividere esperienze con la gente del luogo è un interscambio che ci fa sentire abitanti e turisti, in perenne simbiosi con la cultura dei luoghi, dei monumenti, delle spiagge, degli artigiani e degli agricoltori, dei ristoratori, dei commercianti.
Le case, le botteghe, i ristoranti e i loro proprietari rispecchiano la nostra cultura e la filosofia di vita.

> Il Grande albergo Belvedere

Il Grande albergo Belvedere

Un pezzo di storia

Share on Facebook
Tweet

Lo storico edificio, fu costruito nel 1902 nel sito precedentemente occupato dal monastero delle Orsoline e dalla chiesa di S. Orsola. Inizialmente era di seconda categoria, divenne poi un tre stelle e cambiò diverse volte nome: Hotel Belvedere, Grande Albergo Belvedere, infine Albergo Belvedere. Certamente uno dei primi proprietari o forse addirittura il primo, fu il famoso medico ennese dott. Carlo Pregadio.
Nell’area sottostante all’albergo, c’era un grottone che fungeva da zona relax per gli ospiti e una serie di murature interpretate da Paolo Orsi come resti delle mura di età bizantina.

Nel 1935 in concomitanza con la sistemazione della piazza antistante e della collocazione della fontana con la riproduzione bronzea del Ratto di Proserpina del Bernini, l’edificio fu completamente ristrutturato ed ampliato.

Nel corso della sua esistenza diede ospitalità a tanti celebri personaggi tra politici, uomini di sport, artisti e studiosi. Nel luglio 1943, durante la seconda guerra mondiale, fu requisito dalle truppe alleate per alloggiarvi gli ufficiali Italiani prigionieri di guerra.
Il 10 giugno 1946 nelle sale dell’Albergo Belvedere si svolse un congresso regionale del movimento per l’indipendenza della Sicilia, (EVIS) presieduto dall’On. Finocchiaro Aprile e con l’intervento dei principali esponenti di tale movimento tra i quali gli avvocati Varvaro, Castorina, Cosentino, Di Martino ed altri.

Durante il congresso fu approvato un ordine del giorno con il quale veniva rivendicato al popolo siciliano il diritto ad un plebiscito affinché esso potesse liberamente pronunciarsi “sui termini e sulla forma di una nuova unione con i popoli italiani”. Venne anche deciso che qualora il plebiscito fosse stato negato si sarebbe passati all’insurrezione armata.
Ospitò per alcune sere il futuro marito della Regina d’Inghilterra, Sua Altezza Reale iI Principe Filippo Duca di Edimburgo il quale, durante la sua permanenza nella nostra città, volle minuziosamente visitare i monumenti ennesi e conoscere la loro storia.

Tra i tanti altri si ricordano:

Ettore Liborio Falautano, scrittore, nel 1909;

Otto Rossbach, filosofo, nel 1912;

Carlo Belli, pittore, nel 1982.

Pompeo Colajanni (il famoso comandante Barbato) il 5-5-1968, 25-5-1968, 1-6-1968, 6-7-1968, 31-10-1968 e 14-12-1968;

Napoleone Colajanni (nipote diretto di Napoleone Colajanni), politico, il 15-3-1969.

e ancora:

Alessandro Galuzzi, tenore, il 7-7-1968;

Carlo Rizzo, attore, il 9-7-1968;

Afro Poli, baritono e attore, il 3-8-1968;

Aldo Caprini (Don Backy), cantautore, il 18-8-1968;

I Giganti, gruppo musicale, il 24-8-1968;

I Gatti Rossi di Gino Paoli, complesso musicale, il 24-8-1968;

Milva, cantante e suo marito Corniati Maurizio, regista il 24-8-1968.

L’Albergo fu chiuso nel 1985.

> Una cliente particolare....

Una cliente particolare....

Share on Facebook
Tweet

Ogni giorno ci capita di incontrare tantissimi ospiti con altrettante storie da raccontare!

Vi vogliamo parlare di una nostra cliente un po' particolare. Lei è Beatrice di anni 84, svizzera. Potreste pensare cosa ci sia i strano in una cliente..... Ebbene lei conosce la Sicilia meglio di qualsiasi altro siciliano, adora il trekking e questo la porta ad esplorare sentieri e luoghi immersi nella natura, portando con sé uno zaino pieno di libri, per conoscere in maniera approfondita l'ambiente che la circonda e imparare quante più cose possibili. Ha un'incredibile forza d'animo, che la rende ancora curiosa di scoprire questa terra. La sua voglia di conoscenza l'ha fatta approdare sino ad Enna, soggiornando per tre giorni nella nostra struttura. Arrivata con il suo piccolo zainetto pieno di indirizzi e luoghi da visitare ci ha immediatamente contagiato con il suo sorriso. Non è stata una turista come tanti che visitano il duomo, poi il castello e dopo ancora la rocca di Cerere; lei cercava qualcosa di più, voleva scoprire le bellezze inesplorate che solo il territorio ennese può offrire. Con il suo bastone da trekking si è spinta da sola giù per la Via Sacra per ben due volte solo per vedere la magnifica Grotta dei Santi. Persona vogliosa di conoscere e per niente superficiale. 



> AD ENNA LA SETTIMANA SANTA PIÙ BELLA D’ITALIA

AD ENNA LA SETTIMANA SANTA PIÙ BELLA D’ITALIA

La Settimana Santa ennese da sempre è da più parti considerata una delle più belle di tutta l’Italia.

Share on Facebook
Tweet

Con le sue sedici confraternite, coinvolge oltre un decimo della sua popolazione: solo nella giornata del venerdì santo la città si riempie di tremila confrati incappucciati (tutti uomini) e decine di “monachelle”, bambine vestite con gli abiti delle monache clarisse o carmelitane che accompagnano le confraternite lungo il percorso. In prima linea, c’è anche il clero che sfila compatto assieme ai confrati. Al vicario foraneo della città è tradizionalmente affidato il compito di portare in processione il reliquiario con la spina santa, una delle schegge di legno che appartenevano – così vuole la tradizione – alla corona di spine posta sul capo di Cristo a Gerusalemme.

Come spiega lo scrittore Salvatore Presti, furono gli spagnoli a introdurre, nel XVI secolo, i riti della passione e morte di Cristo a Enna. Le confraternite, inizialmente nate come corporazioni, si trasformarono in seguito in associazioni religiose.

Ognuna di esse aveva compiti ben precisi: la Congregazione dei Bianchi, organo del Santo Uffizio, amministrava la giustizia religiosa; la Compagnia della Passione si occupava dei poveri e al mesto dovere della loro sepoltura dopo averli assistiti caritatevolmente; la Confraternita di Maria Santissima La Donna Nuova si dedicava alla cura degli ammalati di peste, mentre l’Arciconfraternita delle Anime Sante del Purgatorio assisteva i condannati a morte. Cadute le antiche attribuzioni, oggi le confraternite che partecipano alla Settimana Santa curano gli interessi ecclesiali e spirituali, regolamentati da propri statuti e fanno capo ad un organo superiore, il Collegio dei Rettori, e dipendono dalla Diocesi.

Un tempo la città di Enna contava ben 34 confraternite. Presti ricorda che a capo delle singole confraternite, veniva eletto il più anziano che presiedeva le assemblee, occupava la carica di rettore, otteneva i titoli di governatore e procuratore e faceva parte del Civico Senato. Inizialmente erano formate da contadini e minatori, ai giorni nostri sono composte da operai, artigiani, professionisti, impiegati e studenti.

Mistica e insieme suggestiva è l’atmosfera che caratterizza la processione del venerdì santo, per secoli rimasta immutata tranne per il tragitto che nel tempo è stato cambiato per varie esigenze e urbanistiche. Si svolge a partire dalle ore 18 alla luce delle fiaccole ed è accompagnata da marche funebri e dal ritmo dei tamburi a lutto.

Da cinque anni in qua, il coro polifonico Passio Hennensis accompagna la processione per tutto il tragitto cantando lamenti e brani corali dedicati al Cristo sofferente e alla Madonna addolorata.

Per la prima volta dopo oltre un secolo, quest’anno al passaggio delle vare del Cristo morto e dell’Addolorata in via Vittorio Emanuele, ai piedi della chiesa di Santa Maria del Popolo, questa corale riproporrà una lamentanza in dialetto cantata da minatori e zolfatai fino ai primi anni del Novecento.

IL PROGRAMMA DELLA SETTIMANA SANTA

Domenica delle Palme

Sono tutti i rettori delle 16 confraternite cittadine a inaugurare le
processioni e le ore di adorazione eucaristica in Duomo partendo da
Montesalvo. Alle 17 tocca alla confraternita della Madonna del Rosario
mettersi in cammino dalla chiesa di San Giovanni. Alle 18 dalla chiesa di San Leonardo di muoveranno assieme la confraternita della Santissima Passione (che porterà a spalla l’Ecce Homo) e la congrega del Santissimo Crocifisso di Pergusa. Alle 19, infine, sarà la volta dei confrati del Santissimo Salvatore che raggiungeranno il Duomo per la messa partendo dalla chiesetta del Salvatore. Tutti i cortei sacri saranno animati dalla banda “Città di Enna” diretta da Luigi Botte.

Lunedì santo
Sono cinque le processioni che consentono oggi alle confraternite di raggiungere a turno il Duomo per le ore di adorazione eucaristica. Si parte alle 9.30 dalla chiesa di San Cataldo, da dove parte la confraternita più giovane della città, dedicata a Sant’Anna. Alle 11 da Montesalvo sarà poi la volta della congrega di Maria Santissima della Visitazione. Alle 16 i confrati della Madonna delle Grazie partiranno dalla chiesa di Sant’Agostino, seguiti alle 17 da quelli del Santissimo Sacramento da San Tommaso. A chiudere la giornata alle 18 sarà la confraternita di Santa
Maria La Nuova che partità dall’omonima chiesa.

Martedì santo
Niente processioni in mattinata. Nel pomeriggio, alle 16 la confraternita dello Spirito Santo parte alla volta del Duomo dall’omonima chiesetta. Alle 17 è il turno dell’Arciconfraternita delle Anime sante del Purgatorio che si muove dalla propria sede in piazza San Tommaso. Alle 18, infine, tocca alla confraternita di San Giuseppe raggiungere la chiesa madre partendo dal proprio santuario.

Mercoledì santo

Ultima giornata di cortei sacri per le adorazioni in Duomo. La prima confraternita ad aprire la mattinata di processioni è quella della Madonna di Valverde che alle 9.30 parte dal proprio santuario. Alle 10.30 la segue la congrega del Sacro Cuore di Gesù che si incammina dalla chiesa di Santa Maria del Popolo. Alle 11.30 sono i confrati di Maria Santissima Addolorata a mettersi in corteo partendo dalla loro chiesetta in via Mercatino di Sant’Antonio. Alle 12.30 dalla chiesa di San Francesco partono i confrati dell’Immacolata. Alle 13.30 in Duomo viene celebrata una messa solenne seguita da una benedizione eucaristica all’aperto, accompagnata da un corteo sacro attorno piazza Mazzini e piazza Duomo. Alle 20.30 a Pergusa viene messa in scena la sacra rappresentazione con personaggi viventi della Passione e morte di Cristo, che quest’anno sarà focalizzata sullo sguardo della Madonna. La regia è di Rosario Primavera.

Venerdì santo

Dopo il rito dell’Adorazione della Croce che viene celebrato in ogni parrocchia attorno alle 15, iniziano a radunarsi in Duomo tutte le 16 confraternite cittadine, il fercolo della Madonna Addolorata e l’urna del Cristo deposto. Alle 19 parte dalla chiesa madre la solenne processione che vede sfilare per le vie della città oltre 300 confrati incappucciati. Si procede per via Roma, viale Diaz, si fa una sosta nel piazzale del cimitero per la benedizione dei fedeli con la Spina santa (secondo la tradizione appartenuta alla corone di spine sul capo di Cristo) e si fa rientro in Duomo da via Vittorio Emanuele e poi da via Roma. Le singole confraternite rientrano infine nelle loro sedi sempre in processione, accompagnati dalla Banda “Città di Enna” e dal coro Passio Hennensis. I riti si concludono a notte tarda.

Domenica di Pasqua
Alle 18 ai piedi del Duomo viene celebrata la “Paci”, l’accorato incontro tra la statua della Madonna vestita a lutto (portata a spalla dai confrati di San Giuseppe) e il Cristo risorto (condotto dai confrati del Santissimo Salvatore). I simulacri rimangono esposti in chiesa madre fino alla domenica In Albis.

Sabato dopo Pasqua 

Alle 18 parte dalla chiesa di Santa Maria la Nuova la processione della Donna Nuova, condotta a spalla fino al Duomo e ritorno dai confrati della Donna Nuova.

Domenica In Albis
Alle 18 ai piedi del Castello di Lombardia il vicario foraneo della città impartisce la benedizione dei campi. Segue il rito della “Spartenza” in piazza Mazzini: con la benedizione dello Spirito Santo, le statue della Madonna e del Cristo risorto vengono portate all’esterno della chiesa madre e si separano per tornare ognuna alla propria sede, simboleggiando l’assunzione di Gesù in cielo.

Fonte: http://www.iviaggidicicerone.i...







> Settimana santa a Enna

Settimana santa a Enna

Share on Facebook
Tweet
Uno dei periodi più suggestivi per visitare Enna è, senza dubbio quello della Settimana Santa e della Pasqua, i cui si ripetono riti che risalgono al periodo della dominazione spagnola (XV-XVII sec.). I riti della Settimana Santa di Enna si aprono la Domenica delle Palme e si concludono una settimana dopo Pasqua.
Ciascuna delle confraternite, nel giorno e nell'ora stabilita, partono in processione dalla chiesa di appartenenza, si recano al Duomo per l' ura ovvero l’ adorazione solenne della Eucaristia.
Oggi ad Enna sopravvivono solo 15 Confraternite, attualmente ancora regolamentati da statuti, oltre ad animare la Settimana Santa, provvedono a solennizzare attivamente gli eventi religiosi più significativi della città.
Itinerario religioso :
Domenica delle Palme
Al mattino, secondo la tradizione, presso il Santuario di Papardura, i confrati della Passione rappresentano l'arrivo del Messia nella città santa, uno dei confrati, rappresentante Gesù, monta su un asinello, preceduto da dodici compagni, rappresentanti gli apostoli, accompagnati da un corteo e dalla banda.La processione si ferma al Santuario di Sebastiano con benedizione delle palme e degli ulivi, per poi guidare una grande processione che percorrerà per intero la parte occidentale della città alta.
Venerdì Santo
In pomeriggio, tutte i confrati, incappucciati giungono al Duomo e lì incominciano a comporsi silenziosamente per dare inizio al lungo corteo funebre che percorrerà quasi tutta la città.
Domenica di Pasqua, 'A PACI
I riti, proseguono la Domenica di Pasqua con la cerimonia detta 'a Paci, quando, nella piazza adiacente al Duomo, le statue del Cristo risorto e della Madonna si incontrano e trionfalmente vengono portate all'interno della chiesa.
Domenica in Albis
La domenica successiva alla Pasqua, le Confraternite, i Collegio, il vicario foraneo della città e i fedeli, si recano in processione nei pressi del Castello di Lombardia, dove viene impartita benedizione dei campi.Si fa ritorno, quindi, verso il Duomo, sostando prima in Piazza Mazzini, dove si da vita alla tradizionale e ultima cerimonia, detta la Spartenza (separazione) presieduta dalla Venerabile Confraternita dello Spirito Santo.

> Visite guidate Enna

Visite guidate Enna

Share on Facebook
Tweet
Benvenuti nel blog di Una Casa Al Belvedere, uno spazio dedicato a quanti sono già nostri clienti fedeli e per tutti coloro che navigando entreranno in contatto con noi.

Aprire un blog interamente dedicato alla nostra attività, rappresenta per noi un’opportunità in più per essere maggiormente presenti accanto alla nostra clientela, un modo diretto per condividere informazioni e opinioni utili.

Scegliere di effettuare le visite guidate a Enna

All’interno del nostro sito www.unacasaalbelvedere.it troverete inoltre informazioni utili sulla nostra struttura, sulle nostre proposte e tutte le indicazioni per raggiungerci, via mail o per telefono. Tutto lo staff di Una Casa Al Belvedere vi augura quindi buona lettura.